• corso annuale riconosciuto di fotografia
  • corso finanziabile con vaucher formativi del fondo sociale europeo
  • come diventare professionisti della comunicazione visiva
  • corso di fotografia a Firenze
  • diploma di fotografia riconosciuto
  • diploma di Tecnico Qualificato Fotografo
  • laurea di fotografia
  • come scegliere un scuola di fotografia, video, nuovi media
  • studiare a Firenze fotografia
  • studiare a Firenze arte
  • corso di fotografia
  • corso di video
  • corso di grafica
  • corso di illustrazione
  • corso di fumetto
  • corso di storytelling
  • corso di visual storytelling
  • corso di editoria
  • scuola di fotografia, comunicazione e new media
  • scuola fotografia di reportage
  • scuola fotografia di still-life
  • scuola fotografia di moda e fashion photography
  • scuola fotografia di eventi
  • scuola fotografia di scena
  • scuola fotografia di catalogo
  • scuola fotografia documentaria
  • scuola di video documentario di creazione
  • scuola di tecniche narrative visuali
  • scuola di video documentario di creazione
  • scuola di video arte
  • scuola di video reportage
  • scuola di video documentario di creazione
  • corso di diploma in fotografia
  • corso finanziabile con vaucher formativi del fondo sociale europeo
  • corso di fotografia riconosciuto a Firenze
  • diplomarsi in fotografia e comunicazione
  • Tecnico Qualificato Fotografo a Firenze
  • come laurearsi in fotografia e nuovi media
  • corsi di montaggio video
  • corsi per videomaker
  • corsi di videomaking
  • corsi di montaggio video
  • corsi di software per montaggio video
  • corsi di adobe photoshop
  • corsi di di sviluppo files raw
  • corsi di adobe premiere
  • corsi per fotografi professionisti
  • scuola di fotografia
  • scuola di video
  • scuola di grafica
  • scuola di illustrazione
  • scuola di fumetto
  • scuola di storytelling
  • scuola di visual storytelling
  • scuola di editoria
  • scuola di montaggio video
  • scuola per videomaker
  • scuola di videomaking
  • scuola di montaggio video
  • scuola di software per montaggio video
  • scuola di adobe photoshop
  • scuola di di sviluppo files raw
  • scuola di adobe premiere
  • scuola per fotografi professionisti
  • corso di fotografia a Firenze
  • corso di video a Firenze
  • corso di grafica a Firenze
  • corso di illustrazione a Firenze
  • corso di fumetto a Firenze
  • corso di storytelling a Firenze
  • corso di visual storytelling a Firenze
  • corso di editoria a Firenze
  • corso di fotografia, comunicazione e new media
  • corso fotografia di reportage
  • corso fotografia di still-life
  • corso fotografia di moda e fashion photography
  • corso fotografia di eventi
  • corso fotografia di scena
  • corso fotografia di catalogo
  • corso fotografia documentaria
  • corso di video documentario di creazione
  • corso di tecniche narrative visuali
  • corso di video documentario di creazione
  • corso di video arte
  • corso di video reportage
  • corso di video documentario di creazione
  • corsi di montaggio video a Firenze
  • corsi per videomaker a Firenze
  • corsi di videomaking a Firenze
  • corsi di montaggio video a Firenze
  • corsi di software per montaggio video a Firenze
  • corsi di adobe photoshop a Firenze
  • corsi di sviluppo files raw a Firenze
  • corsi di adobe premiere a Firenze
  • corsi per fotografi professionisti a Firenze
  • scuola di fotografia a Firenze
  • scuola di video a Firenze
  • scuola di grafica a Firenze
  • scuola di illustrazione a Firenze
  • scuola di fumetto a Firenze
  • scuola di storytelling a Firenze
  • scuola di visual storytelling a Firenze
  • scuola di editoria a Firenze
  • scuola di montaggio video a Firenze
  • scuola per videomaker a Firenze
  • scuola di videomaking a Firenze
  • scuola di montaggio video a Firenze
  • scuola di software per montaggio video a Firenze
  • scuola di adobe photoshop a Firenze
  • scuola di di sviluppo files raw a Firenze
  • scuola di adobe premiere a Firenze
  • scuola per fotografi professionisti a Firenze

Vite sbobinate

Atlante, Luigi Ghiri

Vite sbobinate

di Roberto Malfagia in Notizie, Novità ed Eventi, Recensioni

Quando abbandoni la pianura geometrica, quella dei capannoni industriali che si susseguono senza soluzione di continuità lungo la via Emilia, e ti addentri lungo strade secondarie che portano alla bassa, verso il Po, allora il paesaggio pur rimanendo di una piattezza stupefacente, inizia a mutare. Più ci si avvicina al fiume, più si entra dentro la bassa. La sensazione che si ha approssimandosi al serpentone d’Italia è quella di sprofondare. Anzi, penso che a un certo punto fra Reggio Emilia e mettiamo, Guastalla, lo sprofondamento è tale che si passa da un’altra parte. Si, perché entrare nella bassa è entrare in un territorio diverso da quello conosciuto.

Verso-la-foce-del-Po-by-Luigi-Ghirri

Verso la foce, Luigi Ghirri

Lo spirito rettilineo che domina il disegno della pianura, con le sue strade, i canali che separano i campi, le case disposte lungo linee e a distanze sempre ben calcolate, nell’abissarsi verso la bassa tende, non tanto a scomparire, quanto a rarefarsi, per poi riapparire sotto un cielo enorme come linea d’orizzonte. La piattezza si fa qualità intrinseca della terra e del cielo. E’ solo allora che arriva il Po, e lungo le due rive i paesi di Brescello, Viadana, Boretto, Buzzoleto, Pieve Saliceto, Pomponesco, Gualtieri, Dosolo, Guastalla, Santa Vittoria, Luzzara, Suzzara.

Verso Lagosanto, Luigi Ghirri

Verso Lagosanto, Luigi Ghirri

Un avvicendarsi di piccoli paesi umili, agricoli o portuali, nobiliari anche, come Gustalla che era Ducato. Tutti hanno in comune il fiume, il grande fiume Po. Per chi non è di quelle parti non sa che nei confronti del Po c’è un rapporto, un legame che lo si può definire a dir poco viscerale. Sarà per questo che la maggior parte dei pittori Naïf intervistati e raccolti nel delizioso volume pubblicano da Quodlibet – Vite sbobinate e altre vite -, prima o dopo sono andati a vivere  proprio su quelle rive. Qualcuno di loro c’è nato qualcun altro c’è pure scomparso dentro al fiume. Dobbiamo ringraziare Alfredo Gianolio che, come dice la seconda di copertina del libro: « incoraggiato dall’amico Cesare Zavattini, ha incominciato intorno al 1970 a registrare e trascrivere (cioè sbobinare) con amorevole cura i racconti autobiografici dei pittori Naïf  che vivono lungo il Po».

Copertina-Gianolio-Vite-sbobinate

La sensazione che si ha leggendo questo libro è proprio quella di percorrere un nastro magnetico srotolato, delicato e vecchio, che bisogna far attenzione a prendere in mano perché si potrebbe spezzare o ancora peggio intrecciare e annodare con molta facilità. Le voci che sono corpo vivo, ancora si fanno sentire sulla carta, senza perdere quella freschezza e immediatezza che ha il racconto orale. C’è tutta la musicalità, il ritmo spezzato, a volte secco a volte dolce della lingua emiliana del novecento preindustriale. Il sussulto, il modo di dire dialettale, non sono vezzo, richiamo a un’infanzia linguistica, ma corpo che ha provato quella cosa e la ricorda nel suono. Nell’italiano spesso sgrammaticato che leggiamo, l’uso improprio di un verbo o un aggettivo definisce quel tempo lontano che hanno vissuto, dove gli studi s’interrompevano, quando si riusciva almeno a iniziarli, perché bisognava andare a lavorare o perché si era donne. Voci che raccontano di fame e disgrazie e che trovano soddisfazione, respiro, aiuto, affermazione, fuga nell’arte della pittura Naïf.

Pietro Ghizzardi - figura

Figura, Pietro Ghizzardi

Uomini e donne privi di una specifica formazione pittorica, che senza aver frequentato scuole o accademie, a volte senza neanche una vera e propria formazione di alcune genere, se non quella della vita vissuta, a un certo punto della loro esistenza dura e grama si mettono in riva al Po a disegnare e a dipingere. I soggetti sono perlopiù naturalistici, ma, come ha mostrato il più celebre fra di loro, Antonio Ligabue, non per forza realistici, anzi. Quello che colpisce dello stile Naïf, è stata la capacità di autoaffermazione: riuscire a costruire un movimento la cui visione si è affermata in modo preciso, pur non avendo un canone. I naïf con i loro quadri, con la loro visione, ma anche con i loro racconti sembrano suggerirci che una prospettiva sbagliata non è solo sbagliata, ma può aprire a un modo di vedere la realtà nuovo e inaspettato. Che un colore dosato in maniera grossolana o la semplicità delle linee di forza nel rappresentare un volto, un animale o un paesaggio, spalancano davanti ai nostri occhi un mondo dove la parola fantastico, non è pura aggettivazione. Il fantastico per i Naïf sembra essere inteso come quella qualità dell’umano che immagina per capire quello che è fuori dalla nostra portata. Che si deposita sulla tela, sotto forma di linea netta, rozza, quasi incisa, piatta, come piatta è la pianura che l’ha generata.

Campagna, Elena Guastalla

Campagna, Elena Guastalla

La fantasia nella pittura Naïf, ci ricordano le voci sbobinate, non è qualcosa che è al di là del reale, ma nasce nel reale, anche in quello più agro, ne è parte integrante. E’ un modo per vivere il reale immaginando. Allora quella sensazione di sprofondare che si sente in quel punto fra Reggio Emilia e Gualtieri, forse non è proprio uno sprofondare ma un mettere in moto i meccanismi della visione, un lasciarsi alla spalle i capannoni per permettere all’immaginazione di mostrarsi.

Il Re della foresta, Antonio LIgabue

Il Re della foresta, Antonio LIgabue

01 Mar 2014