• corso annuale riconosciuto di fotografia
  • corso finanziabile con vaucher formativi del fondo sociale europeo
  • come diventare professionisti della comunicazione visiva
  • corso di fotografia a Firenze
  • diploma di fotografia riconosciuto
  • diploma di Tecnico Qualificato Fotografo
  • laurea di fotografia
  • come scegliere un scuola di fotografia, video, nuovi media
  • studiare a Firenze fotografia
  • studiare a Firenze arte
  • corso di fotografia
  • corso di video
  • corso di grafica
  • corso di illustrazione
  • corso di fumetto
  • corso di storytelling
  • corso di visual storytelling
  • corso di editoria
  • scuola di fotografia, comunicazione e new media
  • scuola fotografia di reportage
  • scuola fotografia di still-life
  • scuola fotografia di moda e fashion photography
  • scuola fotografia di eventi
  • scuola fotografia di scena
  • scuola fotografia di catalogo
  • scuola fotografia documentaria
  • scuola di video documentario di creazione
  • scuola di tecniche narrative visuali
  • scuola di video documentario di creazione
  • scuola di video arte
  • scuola di video reportage
  • scuola di video documentario di creazione
  • corso di diploma in fotografia
  • corso finanziabile con vaucher formativi del fondo sociale europeo
  • corso di fotografia riconosciuto a Firenze
  • diplomarsi in fotografia e comunicazione
  • Tecnico Qualificato Fotografo a Firenze
  • come laurearsi in fotografia e nuovi media
  • corsi di montaggio video
  • corsi per videomaker
  • corsi di videomaking
  • corsi di montaggio video
  • corsi di software per montaggio video
  • corsi di adobe photoshop
  • corsi di di sviluppo files raw
  • corsi di adobe premiere
  • corsi per fotografi professionisti
  • scuola di fotografia
  • scuola di video
  • scuola di grafica
  • scuola di illustrazione
  • scuola di fumetto
  • scuola di storytelling
  • scuola di visual storytelling
  • scuola di editoria
  • scuola di montaggio video
  • scuola per videomaker
  • scuola di videomaking
  • scuola di montaggio video
  • scuola di software per montaggio video
  • scuola di adobe photoshop
  • scuola di di sviluppo files raw
  • scuola di adobe premiere
  • scuola per fotografi professionisti
  • corso di fotografia a Firenze
  • corso di video a Firenze
  • corso di grafica a Firenze
  • corso di illustrazione a Firenze
  • corso di fumetto a Firenze
  • corso di storytelling a Firenze
  • corso di visual storytelling a Firenze
  • corso di editoria a Firenze
  • corso di fotografia, comunicazione e new media
  • corso fotografia di reportage
  • corso fotografia di still-life
  • corso fotografia di moda e fashion photography
  • corso fotografia di eventi
  • corso fotografia di scena
  • corso fotografia di catalogo
  • corso fotografia documentaria
  • corso di video documentario di creazione
  • corso di tecniche narrative visuali
  • corso di video documentario di creazione
  • corso di video arte
  • corso di video reportage
  • corso di video documentario di creazione
  • corsi di montaggio video a Firenze
  • corsi per videomaker a Firenze
  • corsi di videomaking a Firenze
  • corsi di montaggio video a Firenze
  • corsi di software per montaggio video a Firenze
  • corsi di adobe photoshop a Firenze
  • corsi di sviluppo files raw a Firenze
  • corsi di adobe premiere a Firenze
  • corsi per fotografi professionisti a Firenze
  • scuola di fotografia a Firenze
  • scuola di video a Firenze
  • scuola di grafica a Firenze
  • scuola di illustrazione a Firenze
  • scuola di fumetto a Firenze
  • scuola di storytelling a Firenze
  • scuola di visual storytelling a Firenze
  • scuola di editoria a Firenze
  • scuola di montaggio video a Firenze
  • scuola per videomaker a Firenze
  • scuola di videomaking a Firenze
  • scuola di montaggio video a Firenze
  • scuola di software per montaggio video a Firenze
  • scuola di adobe photoshop a Firenze
  • scuola di di sviluppo files raw a Firenze
  • scuola di adobe premiere a Firenze
  • scuola per fotografi professionisti a Firenze

La differenza / Disegni degli internati nei campi di concentramento nazifascisti

Schermata 2015-01-28 alle 17.28.53

La differenza

di Roberto Malfagia in Editoriali, Recensioni

Nel settembre del 1979 Arturo Benvenuti, contabile e bancario, poeta e artista, ha cinquantadue anni si è messo alla guida del suo camper per ripercorrere le strade che collegano Auschwitz, Terezín, Mauthausen-Gusen, Buchenwald, Dachau, Gonars, Monigo, Renicci, Banjica, Ravensbrück, Jasenovac, Belsen, Gürs. Un viaggio per incontrare i sopravvissuti ai campi di sterminio. Il tentativo di recuperarne le voci e proteggerne la memoria.
Benvenuti lungo il cammino si è imbattuto e ha raccolto disegni autografi realizzati dagli internati nei lager nazifascisti durante la loro prigionia. Ducentocinquanta disegni che insieme a cinque sue poesie vanno a comporre il libro KZ. Nel curare il libro Benvenuti si è limitato a mettere i disegni in ordine per autore, lasciando che le immagini raccontassero senza bisogno di altro che la storia che portavano con sé. Il risultato di questo lavoro è un libro unico, che riesce a restituire una prospettiva intima e potente di uno dei sistemi di spersonalizzazione e eliminazione dell’individuo mai attuati dall’uomo. Autopordotto e stampato in millecinquecento copie, andato fuori stampa nel 1983, rivede ora la luce grazie alla case editrice Beccogiallo che in occasione della Giornata della Memoria ne propone la ripubblicazione.

Schermata 2015-01-28 alle 17.28.10

Soffermarsi a leggere i disegni presenti in KZ è un gesto importante per imparare a non dimenticare. Alcuni disegni sembrano quasi incisioni. Solchi neri che affondano nella carta. Non viene dichiarato con cosa sono stati fatti, ma possiamo immaginarci mozziconi di legno bruciato, carbone, per alcuni forse perfino matita. Quando il tratto è sottile si percepisce ancora la forza che è stata esercitata per tracciare il segno, imprimere quanto lo sguardo stava vedendo.

Schermata 2015-01-28 alle 17.28.35

John Berger nella raccolta di saggi Sul Disegnare, suggerisce che ci sono tre diversi modi in cui funzionano i disegni. Ci sono quelli che studiano e interrogano il visibile, quelli che annotano e comunicano idee, e quelli fatti a memoria. In questa raccolta coesistono tutti e tre i modi, e tutti hanno la capacità di farci intravedere l’orrore che il disegnatore ha visto. Un orrore privato, personale, non più spersonalizzato. Chi ha eseguito questi disegni è riuscito a rivelare che dietro il K.Z. il Ka-tzetnik, ovvero “prigioniero del campo di concentramento”, in riferimento al detenuto piuttosto che al luogo o alla forma di detenzione, ancora resisteva l’essere umano.

Schermata 2015-01-28 alle 17.28.28

Il disegnare è un attività che s’immerge nell’osservazione e nella ricezione, ed è fatta di tempo e di spazio. Il tempo dell’osservare e di ricevere quanto l’oggetto osservato emana e poi l’organizzare sullo spazio bianco della carta delle linee. La mano traccia quanto l’occhio e la mente registrano, intercettando l’apparire del visibile nelle sue forme primarie e sintetiche. Le linee disegnate sulla carta, al tempo stesso si disegnano nella mente dell’autore. Un tentativo continuo di trovare una corrispondeza fra quello che emerge nella mente dell’osservatore, quello che la mano riesce a restituire e quello che appare. Guardare i disegni raccolti in KZ è ripercorrere quindi lo sforzo di tracciare linee, è il lento formarsi dello sguardo che diventa forma delle cose, della materia, dell’interiorità. E’ anche ripercorere l’orrore della morte nei campi di sterminio in una visione intima ma allo stesso tempo universale. Nonostante tutto, in alcuni di questi disegni oltre all’orrore, una possibilità per l’umano persiste. Come nel disegno di Aldo Carpi, intitolato L’ultimo compagno nel forno crematorio di Gunsen (1945), dove un senso di fratellanza che sembra prendere la forma di un saluto, in quei pochi tratti, sembra persistere. Il rabbino Zalman Schachter-Shalomi diceva che “il bene che c’è nel mondo supera il male, ma non di molto.” Se questo è vero, allora, questi disegni con la loro stessa esistenza, testimoniano la presenza di questa piccola ma importante differenza e a distanza di anni ci ricordano di mantenerla.

Schermata 2015-01-31 alle 18.08.14

L’ultimo compagno nel forno crematorio di Gunsen (1945), Aldo Carpi

01 Feb 2015